Retour à la rubrique Celtes insulaires et continentaux

Significato e ruolo del cavallo nell' iconografia celtica

Kruta, Venceslas

Editeur : Terra Insubre (Italie)

Libre de droit

2019

Il cavallo è uno dei temi maggiori dell’arte dei Celti nei cinque secoli che precedono l’inizio dell’era cristiana1. È l’animale più frequentemente raffigurato nel repertorio lateniano, di gran lunga davanti al cinghiale. Lo si ritrova anzitutto sul rovescio delle monete, dove la sua totale prevalenza è evidente sugli esemplari a immagini figurate, dagli inizi della monetazione dei diversi popoli celtici nella prima metà del III secolo a.C. La sua presenza non può essere spiegata soltanto dai modelli che hanno ispirato queste serie monetarie. La scelta fu probabilmente determinata dal fatto che l’immagine del cavallo poteva essere facilmente integrata nel sistema ideologico che stava alla base dell’iconografia dei Celti dell’età del Ferro.

Si malgré nos soins, une erreur, une reproduction ou un renvoi non-autorisés étaient constatés, nous vous remercions de bien vouloir nous le faire savoir à l’adresse indiquée à la rubrique «Contact».

© 2019 Société Française d'Études Indo-Européennes